PRINCIPALI SCADENZE DI MAGGIO 2022

PRINCIPALI SCADENZE DI MAGGIO  2022

Di seguito evidenziamo i principali adempimenti in scadenza nel mese di aprile 2022.

Si segnala che le scadenze riportate tengono conto del rinvio al giorno lavorativo seguente per gli adempimenti che cadono di sabato o in un giorno festivo, così come stabilito dall’articolo 7, D.L. 70/2011.

SCADENZA DEL 10-05-2022

Presentazione comunicazioni credito d’imposta per le rimanenze nel settore tessile e moda

I soggetti esercenti attività d’impresa, operanti nell’in­dustria tessile e della moda, della produzione calzaturiera e della pel­letteria, possono iniziare ad inviare in via telematica all’A­genzia delle Entrate, direttamente o mediante un inter­mediario abi­li­ta­to, l’apposita comunicazione:

  • relativa alla concessione del credito d’imposta sull’in­cremento delle rimanenze finali di magazzino;
  • in relazione all’anno 2021.

La comunicazione deve essere effettuata entro il 10.6.2022; non rileva comunque l’ordine cronologico di presentazione delle comunicazioni.

SCADENZA DEL 13-05-2022

Presentazione istanza per il credito d’imposta per i monopattini

Le persone fisiche devono inviare in via telematica all’A­genzia delle Entrate l’apposita dell’i­stan­za:

  • per il riconoscimento del credito d’imposta per le spe­se sostenute dal­l’1.8.2020 al 31.12.2020 per l’acqui­sto di monopattini elettrici, biciclette elettriche o mu­scolari, abbonamenti al trasporto pubblico, ser­vizi di mobilità elettrica in condivisione o sostenibile;
  • direttamente o mediante un intermediario abi­li­ta­to.

Non rileva l’ordine cronologico di presentazione delle istanze.

SCADENZE DEL 16-05-2022

Versamento IVA mensile

I contribuenti titolari di partita IVA in regime mensile de­vo­no:

  • liquidare l’IVA relativa al mese di aprile 2022;
  • versare l’IVA a debito.

I soggetti che affidano la tenuta della contabilità a terzi e ne hanno dato comu­nica­zione all’ufficio del­le En­tra­te, nel li­qui­dare e versare l’IVA possono far riferimento al­­l’IVA di­ve­nuta esigibile nel secondo mese precedente.

È possibile il versamento trimestrale, senza applica­zio­ne de­gli in­te­­res­si, dell’IVA relativa ad operazioni de­­ri­van­ti da con­­tratti di subfornitura, qualora per il pa­ga­mento del prez­­zo sia stato pattuito un termine suc­ces­sivo alla con­se­gna del be­ne o alla comuni­cazione del­l’av­­venuta ese­­cuzione del­­­la pre­sta­zione di servizi.

A causa dell’emergenza da COVID-19, per gli enti sportivi, nel rispetto dei requisiti previsti dall’art. 1 co. 923 – 924 della L. 30.12.2021 n. 234 (legge di bilancio 2022), il versamento può essere effettuato, senza interessi e sanzioni:

  • in un’unica soluzione entro il 31.8.2022;
  • oppure, per il 50% del totale dovuto, in 4 rate mensili di pari importo a partire dal 31.8.2022 e per il restante 50% entro il 16.12.2022.

A causa dell’emergenza da influenza aviaria e peste suina africana, il versamento in esame è prorogato al 31.7.2022 per i soggetti che svolgono attività di alleva­men­to avi­cu­nicolo o suinicolo nelle aree soggette a re­strizioni sani­ta­rie (art. 3 co. 6-quater del DL 228/2021 e circ. Agenzia delle Entrate 8/2022).

Versamento Iva primo trimestre 2022

I contribuenti titolari di partita IVA in regime opzionale tri­me­strale devono:

  • liquidare l’IVA relativa al trimestre gennaio-marzo 2022;
  • versare l’IVA a debito, con la maggiorazione del­l’1% a titolo di interessi.

È possibile il versamento, senza applicazione degli in­te­­res­si, dell’IVA relativa ad operazioni derivanti da con­­trat­­ti di su­b­for­nitura, qualora per il pagamento del prez­zo sia sta­to pat­tuito un termine successivo alla con­se­gna del be­­ne o alla co­municazione dell’avve­nu­ta ese­cu­zione del­la presta­zione di servizi.

A causa dell’emergenza da COVID-19, per gli enti sportivi, nel rispetto dei requisiti previsti dall’art. 1 co. 923 – 924 della L. 30.12.2021 n. 234 (legge di bilancio 2022), il versamento può essere effettuato, senza interessi e sanzioni:

  • in un’unica soluzione entro il 31.8.2022;
  • oppure, per il 50% del totale dovuto, in 4 rate mensili di pari importo a partire dal 31.8.2022 e per il restante 50% entro il 16.12.2022.

A causa dell’emergenza da influenza aviaria e peste suina africana, il versamento in esame è prorogato al 31.7.2022 per i soggetti che svolgono attività di alleva­men­to avi­cu­ni­colo o suinicolo nelle aree soggette a re­strizioni sanitarie (art. 3 co. 6-quater del DL 228/2021 e circ. Agenzia delle Entrate 8/2022).

I contribuenti titolari di partita IVA in regime trimestrale “per na­­tura” (es. autotrasportatori, benzinai e subfor­ni­to­ri) de­vo­no:

  • liquidare l’IVA relativa al trimestre gennaio-marzo 2022;
  • versare l’IVA a debito, senza maggiorazione di in­te­ressi.

Versamento rata saldo IVA 2021

I contribuenti titolari di partita IVA che hanno versato, en­­tro il 16.3.2022, la prima rata del saldo dell’imposta de­­ri­vante dal­la dichiarazione per l’anno 2021, devono ver­­sa­re la ter­za rata, con applicazione dei previsti inte­res­si.

Versamento ritenute e addizionali

I sostituti d’imposta devono versare:

  • le ritenute alla fonte ope­rate nel mese di aprile 2022;
  • le addizionali IRPEF trattenute nel mese di apri­le 2022 sui redditi di lavoro dipendente e as­similati.

Il condominio che corrisponde corrispettivi per appalti di ope­­re o servizi può non effettuare il versamento del­le rite­nu­te di cui all’art. 25-ter del DPR 600/73, entro il ter­mine in esame, se l’ammontare cumulativo delle ri­te­nute operate nei mesi di dicembre 2021, gennaio, feb­bra­io, marzo e apri­­le 2022 non è di almeno 500,00 euro.

A causa dell’emergenza da COVID-19, per gli enti sportivi, nel rispetto dei requisiti previsti dall’art. 1 co.923-924 della L. 30.12.2021 n. 234 (legge di bilancio 2022), il versamento delle ritenute sui redditi di lavoro dipen­den­te e assimilati può essere effettuato, senza interessi e sanzioni:

  • in un’unica soluzione entro il 31.8.2022;
  • oppure, per il 50% del totale dovuto, in 4 rate mensili di pari importo a partire dal 31.8.2022 e per il restante 50% entro il 16.12.2022.

A causa dell’emergenza da influenza aviaria e peste suina africana, il versamento delle ritenute

sui redditi di lavoro di­pen­den­te e assimilati è prorogato al 31.7.2022 per i soggetti che svolgono

attività di allevamento avi­cu­nicolo o suinicolo nelle aree soggette a restrizioni sa­ni­tarie (art. 3 co.

6-quater del DL 228/2021 e circ. Agen­zia delle Entrate 8/2022).

Tributi apparecchi da divertimento

I gestori di apparecchi meccanici o elettromeccanici da di­vertimento e intrattenimento devono versare l’im­po­sta sugli intrattenimenti e l’IVA dovute:

  • sulla base degli imponibili forfetari medi annui, sta­biliti per le singole categorie di apparecchi;
  • in relazione agli apparecchi e congegni instal­lati ad aprile 2022.

Contributi INPS artigiani e commercianti

I soggetti iscritti alla Gestione artigiani o commercianti del­­l’INPS devono effettuare il versamento della prima ra­­ta dei contributi previdenziali compresi nel minimale di red­dito (c.d. “fissi”), relativa al trimestre gennaio-mar­­zo 2022.

Le informazioni per il versamento della contribuzione do­­vu­ta possono essere prelevate dal Cassetto previ­den­zia­le per ar­ti­giani e commercianti, attraverso il sito del­l’INPS (www.inps.it).

Rata premi INAIL

I datori di lavoro e i committenti devono versare la se­con­da rata dei premi INAIL:

  • dovuti a saldo per il 2021 e in acconto per il 2022;
  • con applicazione dei previsti interessi.

SCADENZA DEL 17-05-2022

Domande contributi formazione autotrasporti

Le imprese di autotrasporto di merci per conto di ter­zi de­vono presentare le domande per la conces­sio­ne di con­tributi per le iniziative formative volte ad accre­sce­re le competenze e le capacità professionali degli im­pren­di­tori e degli ope­ra­tori del settore del­l’au­­totra­spor­to di merci per conto di terzi:

  • al Ministero delle Infrastrutture e della mobilità so­ste­nibili e al soggetto gestore “Rete autostrade me­di­ter­ranee per la logistica, le infrastrutture ed i tra­sporti Società per azioni”;
  • utilizzando l’apposito modello;
  • mediante posta elettronica certificata agli indirizzi ram.formazione2022@pec.it e dg.ss.@pec.mit.gov.it.

Non rileva l’ordine cronologico di presentazione delle do­man­de.

SCADENZA DEL 18-05-2022

Domande agevolazioni investimenti PMI

Le piccole e medie imprese possono inizia­re a presentare, a par­tire dalle ore 10.00, le domande per la con­ces­sione di un con­tributo in conto impianti per la realiz­zazione di program­mi di investimento conformi con il piano nazionale Tran­sizio­ne 4.0:

  • all’Agenzia nazionale per l’attrazione de­gli investi­men­ti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. – Invitalia;
  • esclusivamente per via elettronica, utilizzando la pro­cedura informatica messa a disposizione nel sito di Invitalia (www.invitalia.it), sezione “Investimenti soste­ni­bili 4.0”.

Le domande possono essere presentate fino ad esa­uri­men­to delle risorse disponibili.

SCADENZA DEL 19-05-2022

Domande agevolazioni investimenti imprese femminili

Le imprese a prevalente partecipazione femmi­nile possono inizia­re a presentare, a partire dalle ore 10.00, le domande per la con­ces­sione di un contributo a fondo perduto per la realiz­zazione di programmi di investimento per la costitu­zio­ne e l’avvio di una nuova impresa:

  • all’Agenzia nazionale per l’attrazione de­gli investi­men­ti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. – Invitalia;
  • esclusivamente per via elettronica, utilizzando la pro­cedura informatica messa a disposizione nel sito di In­vitalia (www.invitalia.it), sezione “Fondo impresa fem­minile”.

Le domande possono essere presentate fino ad esa­uri­men­to delle risorse disponibili.

SCADENZA DEL 24-05-2022

Domande contributo fondo perduto commercio al dettaglio

Le imprese che svolgono in via prevalente un’attività di commercio al dettaglio identificata mediante specifici codici ATECO, che hanno un ammontare di ricavi riferito al 2019 non superiore a 2 milioni di euro e hanno subìto una ridu­zione del fatturato nel 2021 non inferiore al 30% rispetto al 2019, devono presentare in via telematica al Ministero dello sviluppo economico, entro le ore 12.00, l’istanza per richie­dere l’apposito contributo a fondo perduto.

Non rileva l’ordine cronologico di presentazione delle do­mande.

SCADENZA DEL 25-05-2022

Presentazione modelli INTRASTAT

I soggetti che hanno effettuato operazioni intraco­mu­­­nita­rie presentano all’Agenzia delle Entrate i mo­delli INTRASTAT:

  • relativi al mese di aprile 2022, in via obbliga­toria o fa­coltativa;
  • mediante trasmissione telematica.

I soggetti che, nel mese di aprile 2022, hanno su­­pe­ra­to la so­glia per la presentazione tri­me­stra­le dei mo­delli INTRA-STAT presentano:

  • i modelli relativi al mese di aprile 2022, apposi­ta­men­­­te contrassegnati, in via obbli­gatoria o fa­col­ta­ti­va;
  • mediante trasmissione telematica.

Con la determinazione Agenzia delle Dogane e dei Mo­no­po­li 23.12.2021 n. 493869 sono stati approvati i nuovi mo­delli INTRASTAT e sono state pre­viste ulteriori sempli­fica­zioni per la presentazione dei modelli INTRA-STAT, applica­bili a partire dagli elen­chi re­lativi al 2022.

SCADENZA DEL 30-05-2022

Registrazione contratti di locazione

Le parti contraenti devono provvedere:

  • alla registrazione dei nuovi contratti di locazione di im­­mobili con decorrenza inizio mese di mag­gio 2022 e al pa­ga­mento della relativa imposta di re­gi­stro;
  • al versamento dell’imposta di registro anche per i rin­­novi e le annualità di contratti di locazione con de­cor­renza inizio mese di maggio 2022.

Per la registrazione è obbligatorio utilizzare il “mo­dello RLI” ap­provato con il provv. Agenzia delle Entrate 19.3.2019 n. 64442.

Per il versamento dei relativi tributi è obbligatorio uti­liz­­za­re il modello “F24 versamenti con elementi identi­­fi­ca­tivi” (F24 ELIDE), indicando gli appositi co­di­ci tri­buto isti­tuiti dall’A­gen­zia delle Entrate.

SCADENZE DEL 31-05-2022

Adempimenti persone decedute

Gli eredi delle persone decedute dall’1.8.2021 al 30.11.2021:

  • devono presentare all’Agenzia delle Entrate, in via te­lematica, i modelli REDDITI 2021 e IRAP 2021 cui era obbligato il defunto;

possono regolarizzare mediante il ravvedimento ope­­­­­­roso, in relazione all’operato del defunto, l’in­­fe­­dele pre­­­sentazione delle dichiarazioni re­la­ti­ve al 2019 e agli anni precedenti e gli omessi, insuf­fi­cien­­ti o tardivi versa­men­ti del 2020 e degli anni pre­­ce­­denti.

Adeguamento statuti degli enti del Terzo settore

Le ONLUS, le organizzazioni di volontariato e le asso­cia­zioni di promozione sociale pos­sono modificare gli statuti, con le moda­li­tà e le mag­gio­ranze previste per le delibe­ra­zioni dell’assemblea or­di­na­ria, al fine:

  • di adeguarli alle nuove disposizioni inderogabili del DLgs. 3.7.2017 n. 117 (co­dice del Terzo settore);
  • oppure di introdurre clausole che escludono l’ap­­pli­ca­zione di nuove disposizioni, derogabili mediante spe­ci­fica clausola statutaria.

Versamento imposta di bollo fatture elettroniche

I soggetti passivi IVA, residenti o stabiliti in Italia, devono ver­­sare l’imposta di bollo dovuta per le fatture elettroniche emesse nel trimestre gennaio-marzo 2022.

L’ammontare dell’imposta dovuta, anche a seguito dell’in­te­grazione delle fatture trasmesse, è reso noto dall’Agen­zia delle Entrate nell’area riservata del portale “Fatture e Cor­rispettivi”.

Qualora l’importo dovuto non sia superiore a 250,00 euro, il versamento può avvenire entro il 30.9.2022.

Trasmissione dati liquidazioni periodiche IVA -1° Trimestre 2022

I soggetti passivi IVA, non esonerati dall’ef­fet­tuazione delle liqui­da­zioni periodiche o dal­la presentazione del­la di­chia­ra­zione IVA an­nuale, devono trasmettere all’A­gen­­zia delle En­trate:

  • i dati delle liquida­zioni periodiche IVA relative al tri­me­stre gen­naio-marzo 2022;
  • in via telematica, direttamente o tra­mite un inter­me­­diario abilitato.

I contribuenti trimestrali presentano un uni­co modulo per cia­­scun trimestre; quelli men­sili,

invece, presentano più mo­­­­duli, uno per ogni liquidazione mensile effettuata nel tri­me­stre.

Dichiarazione e versamento IVA regione “IOSS”

I soggetti passivi che hanno aderito al regime speciale “IOSS” devono presentare all’Agenzia delle Entrate, in via telematica, la dichiarazione relativa al mese di aprile 2022 riguardante le vendite a distanza di beni im­portati:

  • non soggetti ad accisa;
  • spediti in spedizioni di valore intrinseco non supe­riore a 150,00 euro;
  • destinati ad un consumatore in uno Stato mem­bro dell’Unione europea.

La dichiarazione deve essere presentata anche in mancan­za di operazioni rientranti nel regime.

Entro il termine in esame deve essere versata anche l’IVA do­vuta in base alla suddetta dichiarazione, se­con­do le ali­quote degli Stati membri in cui si considera effettuata la ces­sione.

ACCESSO AREA RISERVATA